Tutti gli indumenti da piscina per i bambini: articoli, utilità, costi

Scegliere gli indumenti da piscina per i bambini può essere un’operazione davvero divertente. La disponibilità di questi prodotti è più che mai assortita e le proposte del mercato sono tutte molto simpatiche ed accattivanti. Ma su quali parametri ci si può basare per selezionare i capi di maggiore praticità? Anche in acqua, i bambini hanno la necessità di muoversi liberamente e dare sfogo alla loro inesauribile voglia di esplorazione.

Fondamentale é dunque scegliere dei prodotti che possano sostenerli al meglio in queste attività, e non rappresentino mai un intralcio alle stesse. Per tale ragione, abbiamo deciso di dedicare un intero articolo a questo tipo di collezioni, facendo il punto su quali siano le migliori e come orientarsi nella spesa di questi capi per i propri bambini.

I costumi

Partiamo dall’esaminare l’indumento più importante: il costume. La materia prima adoperata per la realizzazione di questi capi risulta essere, per gran parte, il poliestere. Si tratta di una fibra sintetica che può avere diverse declinazioni. Tutte sono accomunate dal dare origine a tessuti morbidi, elastici ed in grado di asciugare molto rapidamente. Nonché tali da evitare l’antiestetico fenomeno del pilling (i pallini in rilievo). Si tratta generalmente di lavorazioni realizzate ad hoc, mediante processi sicuri per la salute e adatti all’uso anche da parte dei bambini. L’unica eccezione potrebbe essere del tutto soggettiva e riguardare una forte predisposizione cutanea a sviluppare allergie.

I costumi da bagno per bambini devono inoltre garantire alla pelle una giusta protezione, sia dal cloro che dai raggi ultravioletti.

Gli effetti collaterali del cloro sulla pelle, per quanto non particolarmente gravi, sono ampiamente documentati. Hanno a che fare con una modificazione del Ph cutaneo e con una riduzione della barriera protettiva naturale della pelle che è chiamata film idrolipidico. Per questo motivo, preservare la cute sempre molto delicata delle parti intime è fondamentale sin dalla più tenera età. Anche l’esposizione ai raggi solari deve naturalmente essere controllata e, a tal proposito, anche il ruolo del costume é importante. Non solo per la sua funzione di copertura delle zone sensibili.

Esso deve anche garantire un opportuno grado di indossabilità e risultare comodo in tutte le sue parti. Solo così il bambino potrà muoversi con naturalezza e sentirsi pienamente in grado di gestire i suoi movimenti anche in acqua.

La cuffia

In tutte le piscine è oramai obbligatorio l’uso della cuffia. Uno dei materiali più idonei a fissare i capelli e ad evitare che si bagnino é sicuramente il lattice. L’unica problematica è che si tratta di una lavorazione molto aderente, che può risultare difficile da indossare da soli per i bambini e le bambine, soprattutto se hanno i capelli molto lunghi. Le cuffie di stoffa, da questo punto vista, offrono sicuramente un comfort maggiore: si indossano con più facilità senza il rischio che i capelli possano spezzarsi. Ovviamente, però, le cuffie realizzate interamente in stoffa presentano l’inconveniente di lasciare passare l’acqua e bagnare inevitabilmente tutti i capelli.

Per ovviare ai rispettivi inconvenienti, un buon compromesso potrebbe essere quello di affidarsi ai prodotti in silicone o in neoprene, materiali sintetici che risultano molto più delicati rispetto al lattice. In alternativa, alcune collezioni prevedono cuffie a composizione mista: queste presentano, generalmente, la parte interna in stoffa, mentre quella esterna risulta costituita da lattice, neoprene o silicone.

Accappatoi e asciugamani

Questi articoli sono disponibili generalmente in spugna oppure in microfibra. Una differenza che non si ripercuote nell’utilizzo vero e proprio, ma che può essere sostanziale sotto alcuni aspetti. Mentre i prodotti in spugna sembrano essere più caldi e confortevoli, quelli in microfibra hanno dalla loro una maggiore praticità. Praticità che si esprime innanzitutto come vantaggio nel trasporto, dal momento che la microfibra é un tessuto dalla grana decisamente più leggera e sottile e risulta molto meno ingombrante all’interno della borsa. Il secondo aspetto da considerare é che si asciuga molto più rapidamente e non consente all’umidità e ad eventuali batteri di proliferare.

Oltre all’accappatoio, è buona norma prevedere anche un paio di asciugamani veri e propri. Uno può essere utile a tamponare meglio i capelli, specie se sono lunghi e il cappuccio di corredo all’accappatoio non permette di effettuare al meglio l’operazione. Un altro asciugamani può invece servire ad asciugare i piedini, o a farli appoggiare al bimbo mentre si asciuga da solo.

Le ciabatte

Le ciabatte sono un accessorio indispensabile per portare i bambini in piscina, fin dalla più tenera età. La loro funzione è quella di preservare i piedini da infezioni e micosi in cui si può incorrere facilmente in tutti i luoghi a frequenza promiscua. E’ indispensabile, dunque, che queste calzature vengano indossate subito, a partire quindi dallo spogliatoio e per arrivare fino a bordo vasca. Vanno inoltre tenute indosso al bimbo anche sotto la doccia, sempre al fine di evitare le medesime problematiche cui abbiamo fatto riferimento.

Per quanto riguarda i modelli disponibili sul mercato attuale, andrebbero selezionate delle ciabatte dalla suola abbastanza alta, in modo che i piedi non entrino a contatto in alcun modo con il pavimento. Tuttavia, é bene che l’altezza della suola non sia tale da rappresentare un pericolo, nel caso di uno scivolamento accidentale del bambino o della bambina. La scelta tra infradito e non é a totale discrezione dell’infante e va fatta considerando le sue personali esigenze, a prescindere da quale sia l’età.

I prodotti migliori

Possiamo segnalare i costumi di Arena, Speedo e Disney. I prezzi sono compresi in genere tra i 10 ed i 30 euro circa. Per accappatoi e asciugamani da bambini, dei buoni riferimenti sono anche Fit-Flip e Ferrino: il prezzo medio di un articolo è di circa 20 euro. Per le cuffie, il cui costo é compreso tra i 10 ed i 15 euro circa, consigliamo Arena e Lahtak. Per le ciabattine sono ottime le proposte di Crocs, Cressi e Beco: un modello da bambino costa tra i 10 ed i 15 euro circa.

Tutti i prezzi qui riportati sono solo indicativi, poiché variano in base alle caratteristiche del prodotto in questione e alla taglia. Sono quindi da verificare sui canali ufficiali dei produttori.

Laureata in Marketing e Comunicazione, ho avuto diverse esperienze professionali in campo pubblicitario. Amo leggere e scrivere da sempre interessandomi di vari ambiti; in particolare moda, benessere, design e tecnologia. Scrivo anche poesie, alcune delle quali pubblicate in volumi antologici.

Back to top
menu
Abbigliamento Bambini