Guida alla scelta dei vestiti per bambina: quale acquistare? Articoli e prezzi

La gamma di vestiti per bambina presenti sul mercato attuale è talmente assortita e ricca di proposte originali che, a volte, può risultare complicato orientarsi nella scelta. Vediamo allora quali sono le differenze sostanziali tra i modelli e le qualità che li caratterizzano. Per completare il quadro, proponiamo anche una selezione di marche che offrono i prodotti migliori. In questo modo, scegliere i capi più adatti per la propria piccola, sarà un’operazione molto più facile e divertente.

Quando e come

Una prima variabile da considerare è l’impiego del vestito in questione. Se si tratta di un capo scelto per un’occasione particolare o se é da poter indossare tutti i giorni. In base a questo primo tassello, le considerazioni da fare sono molto diverse. Per un vestito che si ha intenzione di indossare spesso, e magari anche per molte ore consecutive, è necessario puntare l’attenzione sui materiali e la vestibilità. Nel caso dei materiali, questi assumono un rilievo fondamentale, specie si tratta di un indumento che entra a contatto diretto con la pelle. Come sono, per la maggior parte, i vestiti delle collezioni primavera – estate.

Per questi capi è meglio scegliere composizioni quasi esclusivamente naturali, come cotone, lino e canapa. Se invece, pur trattandosi di un vestito leggero, e da indossare senza calze e maglietta intima, si tratta di un capo elegante, si potrebbe fare una qualche piccola eccezione.

Le collezioni di quest’ultimo genere presentano infatti, molto spesso, degli elementi in fibra sintetica. Un impiego che risulta inevitabile e funzionale per impreziosire il vestito di dettagli, che lo rendano diverso e, in un certo senso, anche ricercato. Ci riferiamo, ad esempio, agli inserti glitterati o a decorazioni molto colorate o particolari. Niente paura, comunque, perché questi motivi hanno un carattere per lo più ornamentale ed interessano, di conseguenza, la parte che meno ha a che fare con il derma.

Le decorazioni

Quest’ultimo aspetto è molto importante affinché la piccola non avverta che il vestito la punga o le provochi prurito. Se ella lamenta questo tipo di situazioni é perché, molto probabilmente, sull’indumento non solo sono presenti delle sostanze artificiali, ma esse sono a stretto contatto con la pelle e le provocano fastidio. Attenzione quindi se si notano dermatiti o arrossamenti, perché magari ci si trova davanti ad una vera e propria manifestazione allergica, che é sempre e comunque da evitare.

Altre considerazioni vanno invece fatte nel caso in cui, pur avendo appurato che i motivi decorativi sono puramente ornamentali, la bimba è molto piccola di età.

In particolare, se si trova nelle fasi di dentizione, e tende a portare ancora tutto alla bocca. In questa condizione, degli ornamenti in rilievo potrebbero rivelarsi molto pericolosi, perché rappresentano un potenziale rischio di ingestione. Se si tratta di un regalo, o comunque di un acquisto oramai effettuato, è indispensabile verificare sempre lo stato di tali ornamenti e anche la tenuta della loro applicazione.

La vestibilità

Fatta questa premessa, sui materiali e l’impiego che differenziano le collezioni di vestiti per bambina, è necessario puntualizzare ciò che essi dovrebbero avere in comune. Parliamo della vestibilità, cioè del grado di adattamento del capo a chi lo indossa. E’ importante che esso abbia delle rifiniture e delle cuciture piatte e non in grado di inficiarne il comfort di utilizzo. La bambina deve sentirsi sempre libera di muoversi e poter affrontare tutte le sue attività, ludiche e non, nel modo più tranquillo e comodo possibile.

A tal proposito, è altrettanto utile selezionare la taglia nel modo adeguato. E’ comune temere che la propria piccola sfrutti poco il vestito acquistato, perché magari da un anno all’altro non sarà più abbastanza ampio da indossare. E questo timore è ancora più giustificato se si sceglie un certo tipo di capi, che siano idonei per lo più a contesti e situazioni speciali.

Bisogna però considerare che, per essere comodo, un vestito deve essere anche giusto nelle dimensioni. Da questo punto di vista, andare oltre una taglia in più, è sempre in un certo senso da evitare. Poi dipende anche molto dal modello. Ci sono vestiti che, più di altri, é indispensabile che seguano le linee del corpo e vestiti che, al contrario, si prestano ad essere un pochino abbondanti, senza risultare goffi.

Modelli principali

Andando ad osservare le linee di vestiti da bambina più in voga, notiamo comunque come i modelli più apprezzati siano sempre quelli con la gonna un po’ svasata e di media lunghezza. Un formato che va bene, sia nei mesi tendenzialmente miti, che quando c’è freddo. Anzi, alcune lavorazioni, sembra siano realizzate in modo tale da poter essere sfruttate apposta in molti periodi dell’anno. Queste collezioni puntano a massimizzare l’uso dei prodotti che le compongono, anche in una fase di crescita rapida come quella della prima infanzia. Un impiego possibile grazie alla ragionata combinazione con indumenti aggiuntivi. In particolare, si tratta di calze coprenti o di veri e propri leggins nella parte inferiore. Anche per coprire meglio il busto le opzioni possono essere in sostanza due.

Se il vestito presenta le spalline o le bretelle, una soluzione perfetta é quella di abbinarvi una maglietta in caldo cotone o in lana rasata. Nell’eventualità in cui le maniche siano lunghe e/o il design dell’abito non consenta l’appropriata introduzione di un secondo indumento al di sotto, si può prevedere al di sopra un coprispalla o una felpa, a seconda dei casi e della situazione specifica.

Marche e prezzi

Per quanto riguarda le marche da segnalare per questi prodotti, possiamo fare riferimento a Vikita, Black Butterfly, Sunny Fahion, Carolilly, NNJXD, LZH e Jurebecia. Si tratta di collezioni molto assortite, sia rispetto ai modelli che al ventaglio cromatico a disposizione. Relativamente ai prezzi, essi sono generalmente compresi tra i 20 ed i 40 euro circa. Questa informazione é però valida solo a scopo indicativo, dal momento che i costi possono variare in maniera netta, sia in base alle caratteristiche del prodotto che alla taglia considerata.

Sono inoltre prezzi che, per natura, subiscono oscillazioni nel tempo. E’ dunque sempre opportuno verificarli sui siti ufficiali dei produttori.

Laureata in Marketing e Comunicazione, ho avuto diverse esperienze professionali in campo pubblicitario. Amo leggere e scrivere da sempre interessandomi di vari ambiti; in particolare moda, benessere, design e tecnologia. Scrivo anche poesie, alcune delle quali pubblicate in volumi antologici.

Back to top
menu
Abbigliamento Bambini