Cappelli da bambino: migliori prodotti di Dicembre 2021, prezzi, recensioni

Il cappello è un accessorio che serve a tenere riparata dal freddo, dal sole e dal vento la testa del bambino.

Oggi, in commercio ci sono diverse tipologie di cappelli da bambino, e molte di queste non solo offrono protezione ma soddisfano anche dal punto di vista estetico.

Ma quale cappello da bambino scegliere per il vostro piccolo? E come fare per riuscire a farglielo indossare?

In questa guida risponderemo a queste e a molte altre domande sui cappelli da bambino.

Come scegliere i cappelli da bambino neonato

Soprattutto quando parliamo di neonati e bimbi molto piccoli, i cappelli da bambino sono necessari per proteggere la loro testolina da freddo, sole e vento.

Pur se i tessuti, nella scelta di tutti i capi di abbigliamento e accessori per bambini, devono essere naturali, trasparenti e di qualità, se si tratta di un bambino più grandicello, saltuariamente si può chiudere un occhio.

Quando si parla di neonati e bambini molto piccoli, invece, sono tassativamente vietate le fibre sintetiche e sono obbligatori tessuti come il cotone, il caldo cotone e il misto lana.

Non scegliete cappelli da bambino in pura lana perché, pur essendo molto caldi, possono pungere la pelle del bambino.

Ecco perché è preferibile il misto lana, specie nelle combinazioni lana/seta e lana/caldo cotone, che sono ancora più morbidi e assicurano protezione dal freddo.

Preferite poi sempre colori neutri o, se proprio non sapete rinunciare a fantasie coloratissime, assicuratevi che i pigmenti utilizzati non siano tossici.

In caso contrario, potrebbero sviluppare delle allergie sulla pelle molto delicata dei vostri piccoli.

Per quanto riguarda i modelli, non ricercatene di particolarmente ingombranti e ricchi di applicazioni. Va bene un semplicissimo cappello a cuffia.

I cappelli da bambino neonati devono essere soprattutto morbidi, confortevoli e leggeri.

Visto che, fino a circa i 3 anni di età, i bambini mal sopportano di avere la testa coperta, potreste scegliere dei cappelli da bambino con lacci sotto il mento, in modo da non perderlo facilmente, visto che tendono a levarlo continuamente.

Per i climi molto rigidi, casomai, scegliete dei cappelli con protezioni anche sulle orecchie, così da coprire una parte notoriamente delicata dei piccoli.

Come scegliere i cappelli da bambino più grandicello

Da circa 3 anni in poi, quando il bambino passa ad una fase di vita più matura, si possono scegliere anche cappelli un po’ più elaborati e anche provvisti di visiera.

Per l’inverno, potreste optare per esempio per un tipo di cappello beanie, con stringhe sul lato posteriore, che possono essere modificate a proprio piacimento.

Oppure, potete scegliere un modello di cappello peruviano con i lati allungati sulle orecchie, in modo da proteggere anche queste dal freddo e dal vento.

I berretti vanno bene su qualsiasi tipo di abbigliamento, e potete trovarne in commercio in svariati colori e fantasie, comprensivi anche di visiera o pon pon.

Per un bambino che vuole differenziarsi nello stile, poi, potreste scegliere un cappello a coppola, che su di lui acquisterebbe un tono sbarazzino.

Per escursioni sulla neve e per luoghi in cui è particolarmente rigido, potrete scegliere un passamontagna o un balaclava per bambino, che protegge testa, orecchie e collo.

Un cappello di lana a falde per bambino può essere indossato nelle occasioni speciali e per sottolineare un outfit originale e ricercato.

Per quanto riguarda l’estate, l’alternativa è soprattutto tra cappello in cotone con visiera e bandana, sempre in cotone.

Materiali e tessuti per i cappelli da bambino

Pur se prima si è detto che per un bambino più grandicello si può chiudere un occhio in fatto di tessuti e materiali, ciò non vuol dire che deve rappresentare la regola.

Soprattutto se si tratta di cappelli che i bambini devono portare spesso e per diverse ore al giorno.

I cappelli da bambino realizzati con materiali sintetici, per esempio, non permettono la naturale traspirazione della pelle.

Ciò vuol dire che, se il bambino suda, il sudore viene trattenuto sulla testa e, una volta tolto il cappello, potrebbe raffreddarsi e prendersi un malanno.

Ecco perché vanno scelti soprattutto i tessuti naturali, in modo da evitare qualsiasi tipo di situazione spiacevole.

Quanto costano i cappelli da bambino

Viste le numerose e diverse scelte di modelli, tessuti e fantasie, i prezzi variano.

In media, però, dovreste spendere intorno ai 10-20 euro.

In commercio, trovare anche set di cappellini-scaldacollo/sciarpa-guanti invernali che vi permettono di proteggere il bambino maggiormente dal freddo e dal vento.

Trovate i cappellini da bambino ormai praticamente dovunque, anche al supermercato.

Se volete però trarre il vantaggio di poter visionare più modelli contemporaneamente senza spostarvi dal vostro divano, vi conviene acquistare on line.

Decisamente, sul web potrete trovare molto più facilmente e velocemente il cappello più adatto alle esigenze del vostro bambino, spesso risparmiando anche molto.

Un consiglio? Acquistate i cappellini da bambino quando sono in corso gli sconti, così potrete usarli durante la stagione successiva, pagandoli anche meno della metà!

Adesso che sapete tutto sui cappelli da bambino, non vi resta che iniziare a scegliere il vostro preferito!

Mamma blogger, scrittrice, ghostwriter e web content writer. Mi divido tra la soddisfazione dei bisogni delle mie piccole pesti e la scrittura. E ancora non ho capito quale delle due attività mi dia più soddisfazione!

https://rominacardia.wordpress.com/

Back to top
menu
Abbigliamento Bambini